mercoledì 19 luglio 2017

PROVE DI COMUNISMO

Il Governo svela il suo vero volto, caso mai ce ne fosse ancora bisogno, palesando comportamenti dittatoriali di stampo comunista.
.
Dopo aver fatto l'occhiolino ai governanti comunisti del "Celeste Impero" il  cosiddetto "premier" Gentiloni, insieme a Renzi e alla compagnia di criminali che compongono l'elite politica, compiono una serie di atti (e misfatti) volti a compiacere i governanti comunisti.
.
Mentre da un lato la congrega criminale accoglie centinaia di migliaia di clandestini (non autorizzati ad entrare in Italia, come dice la parola stessa), a discapito della popolazione italiana, dall'altro vietano ai monaci religiosi buddisti il sacrosanto diritto di partire dall'India alla volta del nostro Paese.
.
I monaci sono soggetti, loro malgrado, allo status di rifugiati, di cui avrebbero fatto volentieri a meno se il comunismo cinese non avesse fagocitato, distruggendolo, tutto il loro universo.
.
Il Dalai Lama è stato costretto all'esilio, mentre l'etnia cinese di stirpe han ha sostituito interi strati sociali nella regione del Tibet, in cui sono stati distrutti i monasteri e deportati gli abitanti, monaci compresi.
.
Il regime comunista cinese, verso cui si sono prostrati i nostri governanti, avidi di collaborazioni commerciali, è ben contento che vengano boicottati i monaci buddisti, e che la compiacenza dei loro lacchè italiani si spertichi in manovre servili che soddisfino la Cina.
.
L'enorme lager a cielo aperto cinese, composto da migliaia di laogai, produce materiali a costo zero, o quasi, grazie alla mano d'opera di milioni di schiavi, a cui poi una volta deceduti verranno espiantati perfino gli organi, per essere commercializzati in tutto il mondo.
.
E che dire di Mattarella, sempre pronto a bearsi di frasi roboanti, riempendosi la bocca con paroloni quali libertà, diritti umani, dignità dell'uomo ...
.
La figura presidenziale appare svilita e incongrua di fronte a tutto ciò, palesemente vilipesa da un comportamento offensivo e inadeguato, proprio nei riguardi di coloro che sono sottoposti a privazione della libertà di culto e di espressione, oltre che sopraffatti dalla violenza comunista.
.
Evidentemente tutto ciò piace ai nostri governanti, Mattarella in testa.
.
Lo provano i fatti, e le nefandezze quotidiane decise a tavolino nella sede del PD, come quella, ad esempio di vietare alle persone di pensare con la propria testa (saluti romani, manifestazioni fasciste, ecc, ecc)
.
Lo provano lo "ius soli" grazie al quale l'Italia diviene meta di parti programmati e di rovesciamento delle identità culturali ed etniche, religiose e sociali, così come la grande Oriana Fallaci aveva pronosticato.
.
Lo provano le collusioni con i poteri forti, che tolgono soldi dalle tasche degli italiani per riempire quelle dei banchieri senza scrupoli che speculano impuniti sulla pelle dei risparmiatori (vedi Monte Paschi Siena e Banche venete).
.
Propongo ora un articolo scritto da C. Alessandro Mauceri, sul sito "Notizie geopolitiche" che tratteggia l'argomento del rifiuto dei visti ai monaci buddisti.
.
.

.
.
VI SAREBBERO I RAPPORTI CON LA CINA ALLA BASE DEI VISTI NEGATI AI MONACI BUDDISTI
.
18 luglio 2017
.
Mentre nel sud del paese continuano gli sbarchi di migliaia di migranti irregolari provenienti dall’Africa e il governo cerca di trovare un modo per regolarizzare la loro presenza (si parla del visto per scaricarli negli altri paesi europei), ad alcuni monaci tibetani non è stato concesso di partire dall’India, nonostante avessero lo status di rifugiato e il relativo invito arrivato dall’Italia.
L’ambasciata italiana in India infatti ha concesso il visto solo a tre dei sei monaci che dovevano arrivare per un incontro religioso al monastero Buddista di Pomaia, il più grande d’Europa, adducendo a quanto pare la scusa che l’Identity Certificate finora riconosciuto come valido da tutti i paesi dell’area Schengen ad eccezione della Svezia e del Portogallo, non è accettato dall’Italia o esisterebbero pericoli di contraffazione dei titoli di viaggio che abilitano i monaci buddisti a viaggiare in Europa.
.
Una giustificazione quest’ultima che appare strana dato che fino a poche settimane fa il rilascio dei visti ai rifugiati tibetani veniva accettato senza problemi dalle autorità di frontiera.
.
Il provvedimento appare anomalo soprattutto perché, al contrario di quanto avviene con le migliaia di migranti irregolari, le persone che avevano chiesto di varcare i confini lo avevano fatto solo per partecipare ad alcuni incontri ed eventi religiosi che tradizionalmente si svolgono in questo periodo dell’anno.
.
Dure le critiche della comunità tibetana in Italia, delle associazioni a sostegno del popolo tibetano e della sua cultura, dei i centri di Buddhismo e dei gruppi a difesa dei diritti umani.
.
L’associazione Italia-Tibet intende attivarsi per conoscere le ragioni di tale decisione e chiedere la revoca del provvedimento.
.
La vera motivazione, secondo molti, sarebbe politica e legata ai rapporti con la Cina.
.
Per decenni l’Italia ha rilasciato i visti ai monaci tibetani come dimostrano le numerose visite dal Dalai Lama nel Paese.
.
Come hanno fatto notare alcuni giornalisti, quella dei giorni scorsi potrebbe essere una “svolta diplomatica di avvicinamento alla Cina”.
.
Entrambe le giustificazioni addotte alla decisione di non ammettere i monaci nel Paese appaiono arbitrarie e poco fondate.
.
Negare l’ingresso a poche decine di monaci buddisti in possesso di regolari documenti mentre in altre regioni si accetta l’ingresso nel paese di migliaia di migranti appare davvero assurdo.
.
Tanto più se si considera che, come è stato confermato da un recente rapporto dell’UCOI al ministro dell’Interno, in Italia esistono centinaia di moschee e luoghi di culto non autorizzati.
.
Una disparità di trattamento che, cosa questa ancora più strana, pochi mezzi di stampa ufficiali hanno segnalato.


.
.
Dissenso



sabato 1 luglio 2017

PESSIMA FIGURA

Propongo un articolo scritto da Gabriele Canè su "il Resto del Carlino", sabato 1 luglio 2017.
.
PESSIMA FIGURA

.
Era troppo serio per essere vero.
.
Un Paese sovrano fornito di una Marina con i fiocchi, di un governo, seppure a termine, di una storia senza confronti, decide che quando è troppo è troppo.
.
Troppi 12 mila sbarchi in un solo giorno, con altri migliaia prima, e molti altri dopo.
.
Quindi ?
.
Quindi, si chiudono i porti, nel senso che le navi delle benemerite Ong che battono bandiere di ogni tipo, ma i migranti li sbarcano sempre nel Belpaese, devono smetterla :
i boat-navetta devono fare rotta verso i lidi dove sventolano le loro bandiere.
.
Questo aveva fatto trapelare il governo, al punto che ci avevano creduto tutti :
Mattarella in Canada, l’Europa, Macron, e persino noi cittadini.
.
Anzi, soprattutto noi.
.
Diciamolo pure :
piagnoni a parte, con una punta di orgoglio.
.
Finalmente una decisione da uomini e non da caporali.
.
Ora, contrordine.
.
Molto probabilmente, come diceva Totò, siamo caporali.
.
E’ bastato che Parigi mettesse uno stop, dando la disponibilità ad accogliere solo gli esuli politici ;
che un qualunque ministro estone annunciasse ieri che nel fatidico summit di giovedì prossimo dei ministri degli Interni, l’Europa ci avrebbe solo benevolmente ascoltato, ma di decisioni concrete neanche l’ombra :
semmai tra altri 10-20 mila sbarchi.
.
O mai.
.
E’ bastato, insomma, che il nostro buffetto agli alleati felloni fosse ricambiato con un cazzotto, che abbiamo finito per porgere anche l’altra guancia.
.
Porti chiusi ?
.
Per carità, mica si può, dicono i big del governo :
venite, e sbarcate.
.
Per cui, i casi sono due.
.
O era un bluff.
.
Allora è meglio che cambino gioco.
.
Oppure se la sono fatta sotto.
.
Allora è meglio, molto meglio, che cambino mestiere.
.
.
Dissenso
. 

Post più popolari

Amici del blog