mercoledì 22 febbraio 2012

L'ALIBI DELL'EUROPA

Ogni qualvolta che ci si trova a constatare che la protesta popolare assume tonalità forti viene da pensare a chi, in effetti, è responsabile del diffuso malumore e dello scontento generale.
.
La prima considerazione che viene da fare è che l’intera gestione del sistema Italia è in mano ai politici, e che quindi la riconducibilità di ogni situazione contingente è orientata verso il potere costituito.
.
Spesso però  nostri parlamentari, dopo aver saturato di nefandezze ogni aspetto del vivere quotidiano, a scapito dei cittadini, insistono nel trovare altri e più subdoli escamotages per proseguire in un delirante percorso che soffoca la democrazia e la libertà.
.
Un esempio su tutti : le reiterate proposte di procrastinare sempre di più l’età in cui si può andare in pensione.
.
L’alibi a cui i politici ricorrono, consci del fatto che la popolazione è quanto meno inferocita e stanca di subire vere e proprie vessazioni, è una semplice frase :
.
Ce lo chiede l’Europa !
.
Il fatto di dover arrivare vicino ai 70 anni per potersi godere un po’ di riposo, dopo una vita di lavoro e di versamenti contributivi, dipenderebbe quindi, a detta dei nostri scaltri politicanti, dall’Europa.
.
Detto in questo modo, proprio come lo dicono loro (i politici), sembrerebbe quasi che l’Europa sia un’entità astratta, misteriosa, indefinibile e indecifrabile, a cui non si può sfuggire, come fosse una creatura mostruosa a cui bisogna obbedire, pena le massime conseguenze.
.
Ecco che quindi sottostiamo a tutta una serie di ulteriori vessazioni, ripetute nel tempo, ciclicamente, come ad esempio le “quote latte”, o l’innalzamento dell’età pensionabile, appunto, poiché “ce lo impone l’Europa” !
.
A questo punto bisogna dire però che tutti coloro che concorrono a rappresentare e costituire tale organismo europeo, altro non sono che gli stessi politici che i vari e rispettivi partiti nazionali hanno delegato per essere rappresentati.
.
I nostri politici sono là, sugli scranni europei, a compiere il mandato loro affidato di Parlamentari europei.
.
Ex Sindaci, ex magistrati famosi, ex sindacalisti, ex parlamentari italiani, sono divenuti esponenti di questo “organismo” a cui dobbiamo obbedire.
.
Le faziosità di partito si rinnovano anche qui, a livello europeo, poiché le componenti di destra o di sinistra italiane trovano una corrispondenza trans nazionale che unisce le rispettive correnti di pensiero.
.
Ecco che quindi l’Europa diventa più chiaramente comprensibile : non si tratta di una entità eterea che risponde a logiche impenetrabili e misteriose, ma più normalmente, siamo di fronte ad un gruppo di politici che prendono decisioni.
.
La responsabilità quindi è da scrivere a costoro !
.
Se i lavoratori italiani dovranno lavorare fino ad una età che, francamente, è impensabile (specie per coloro che fanno lavori pesanti), la colpa è quindi dei politici, compreso i nostri europarlamentari che siedono comodamente, in mezzo ai privilegi, sugli scranni europei.
.
Loro sì che possono lavorare fino all’età di 67 anni, visto che sono strapagati e sprofondati nei privilegi.
.
Dopo aver dissanguato le popolazioni per decenni, con l’imposizione di pagamenti contributivi esosi, e con una pressione fiscale pari solo alle gabelle medioevali che si esigevano come tributo al feudatario locale, i politici ora tentano di far slittare il pagamento di quanto dovutoci, alzando l’età pensionabile.
.
La gestione dei fondi a loro affidata è risultata fallimentare, e le casse statali sono ora vuote, nonostante il costante impegno fiscale e contributivo dei lavoratori per tutti gli anni passati.
. 
La corruzione dilagante e diffusa, e le centinaia di scandali che li hanno visti coinvolti come interpreti, hanno prosciugato non solo il “Bel Paese” ma anche le economie di mezza Europa.
.
Ora, questa accozzaglia di politicanti, che per me rappresenta una vera e propria associazione a delinquere sulla pelle dei popoli, ha pensato bene di costituire l’Europa, per poter continuare a gestire le nostre economie e le risorse rimaste.
.
Ci proibiscono di andare in pensione, perché dopo aver rubato fino a oggi, hanno finito i soldi !
.
Gli accordi “europei”, e i dictat che ne rappresentano l’emanazione, inoltre, privilegiano alternativamente i protagonisti di lucrose transazioni economiche, a discapito dell’uno o dell’altro.
.
Ecco perché non sono tutelati molti dei nostri prodotti tipici ed ecco perché siamo continuamente multati per le “quote latte” !
.
Politici !
.
Niente altro che politici, che fanno in Europa, globalmente, quello che hanno fatto per decenni nei rispettivi Paesi, Italia compresa.
.
L’unica alternativa è tirarli giù dai loro scranni, ribellarci e sbatterli in galera, come nemici dell’umanità.
.
Prima o poi lo faremo, per i nostri figli e nipoti, in nome della libertà che ci stanno sottraendo di giorno in giorno.
.
La misura è oramai colma, e i nodi verranno al pettine, e allora non ci saranno più alibi, ma solo conti da regolare.
.
Dissenso
.

6 commenti:

  1. forconi... si prevedono forconi elettromagnetici

    RispondiElimina
  2. Ci vuole una rivoluzione vera, fatta da padri di famiglia incazzati ed esasperati.
    Complimenti un gran bel post.

    RispondiElimina
  3. Sono anch'io per la rivoluzione vera e dura! Non meritano pietà.
    Buona notte.

    RispondiElimina
  4. Sono anch'io per una rivoluzione vera e dura! Non meritano pietà, loro, che per anni ci hanno imposto vessazioni indicibili.
    Buona notte.

    RispondiElimina
  5. Quanta tragica , dura , spietata verità... amico mio!

    RispondiElimina
  6. prima muori e poi vai in pensione...comicamente e tragicamente vero :-(

    Mara

    RispondiElimina

Post più popolari

Amici del blog