domenica 26 ottobre 2014

I VIGLIACCHI DI ISIS...

.
L’orrore è l’elemento principale che contraddistingue l’incedere di Isis, l’organizzazione islamica che sta seminando morte e dolore in tutti i luoghi in cui è presente.
.
Nel mese di Settembre a Mosul, in Iraq, un tribunale jihadista ha condannato a morte per apostasia (aveva rifiutato l’islamismo come propria religione) l’attivista per i diritti umani Samira Salih al-Nuaimi, uccidendola in piazza dopo cinque giorni di tortura.
.
Questi cosiddetti “tribunali” che si arrogano il diritto di decidere sulla vita o sulla morte delle persone, sono composti da integralisti islamici che hanno intrapreso una cruenta “guerra santa” contro chiunque non sia un seguace della dottrina di Allah, e che fanno del fanatismo religioso una vera e propria ragione di vita.
.
La furia di costoro si manifestò già nel 2001, allorquando i talebani afgani riversarono il loro odio anche contro i monumenti di religioni diverse dalla loro, distruggendo le statue dei buddha di Barmiyan.
.
Recentemente i miliziani jihadisti si stanno accanendo contro le tombe dei profeti a Mosul, la città che nell’Iraq settentrionale ha assistito alla distruzione della tomba di Giona (che risaliva al VII secolo a.C.), di Daniele, del mausoleo di San Giorgio (il patrono di Mosul) e del sepolcro di Seth (ritenuto da ebrei, cristiani e musulmani come figlio di Adamo ed Eva).
.
La forsennata corsa alla distruzione, che prevedeva nei piani degli integralisti la distruzione del minareto “pendente”, il simbolo della città di Mosul, è stata interrotta dalla provvidenziale rivolta degli abitanti stessi della città, che si sono opposti alla furia devastatrice.
.
L’efferatezza ricorrente a cui ricorrono con ferocia i guerrieri islamisti (ma sarebbe meglio chiamarli criminali) è quello del taglio della testa di coloro che hanno la sventura di scontrarsi con loro.
.
In particolare il loro accanimento si palesa verso le minoranze cristiane in Siria e in Iraq, contro le quali Isis adotta metodi terroristici quali le uccisioni di massa, la decapitazione, la vendita di donne come merce di scambio, l’arruolamento coatto di bambini da usare in combattimento, e la distruzione dei luoghi di culto diversi da quello islamico.
.
Donne messe in vendita da Isis
Le coperture finanziarie di Isis sembrano essere imponenti, e questo permette ai fanatici e barbari vigliacchi sostenitori di un integralismo distruttivo e malato di proseguire la loro folle corsa verso un totalitarismo che assume i connotati di nuovo “male assoluto” del terzo millennio, dopo il nazismo e il comunismo.
.
La morte e le atrocità sono parte integrante dell’essenza stessa di Isis, come provano le esecuzioni quotidiane di migliaia di innocenti, e gli attentati dinamitardi che colpiscono indifferentemente la popolazione civile.
. 

.
Neanche bambini sono esenti da questo stillicidio di violenza gratuita, sadica e perversa, e lo provano le autobombe fatte splodere davanti alla scuola “Akrima Majzumi” e all’ospedale “Zaim” nella città di Homs, nella zona centrale della Siria, nei primi giorni del mese di ottobre.
.
Decapitato da Isis
Trenta studenti, di cui la maggior parte di età inferiore a 12 anni, sono rimasti uccisi.
.
La situazione in Iraq non è molto diversa, e le bande armate dei miliziani del terrore si macchiano impunemente di atrocità quotidiane, come il massacro di 480 prigionieri detenuti nel carcere di Badush a Ninive, nella parte settentrionale del territorio iracheno, come l’uccisione di 14 religiosi, e come la strage di 175 studenti, i cui corpi sono stati poi gettati in una fossa comune.
Il numero dei profughi che hanno bisogno di assistenza umanitaria aumenta ogni giorno, dando all’emergenza le carattersitiche di genocidio programmato, di vero e proprio sterminio, abietto e ripugnante, di crimine contro l’umanità.
.
A migliaia i  bambini cercano scampo sulle montagne, e molto di loro portano sul loro corpo i segni della mutilazione selvaggia e sadica provocata dagli “eroici combattenti di Allah”, come spavaldamente si definiscono i criminali di Isis, che trovano nella brutalità una loro caratteristica primaria, che li identifica e li inchioda alle loro responsabilità.
. 
La cosiddetta “sharia” (guerra santa) contro gli “infedeli” (chiunque non sia seguace dell’Islam) guida i passi di costoro, ispirandoli quando mozzano teste (per poi esibirle come trofei impalate su una picca), oppure quando si dedicano a  trucidare, a lapidare, ad amputare, a flagellare, a torturare, in un crescendo di orrore che sembra non avere fine.
.
Il delirio di onnipotenza spinge i criminali islamici a diffondere i video delle loro macabre atrocità, quali le decapitazioni, i cui video proliferano oramai quotidianamente sui social network, in internet.
.
I seguaci del cosiddetto “califfato islamico”, Isis, non disdegnano anche un’altra forma aberrante di uccisione, e cioè la crocifissione, di cui si affannano poi a diffondere le immagini.
.
In perfetta sintonia con Isis, così come con i palestinesi che mettono le bombe sugli autobus in Israele, troviamo la famigerata Al Qaeda, che tesse quindi i fili di una simbiosi collaudata tra integralismo islamico, sete di sangue, e odio per l’occidente.
. 
L’Europa, con l’aiuto di quei paesi che amano la libertà e la democrazia, dovrebbe trovare elementi di coesione che permettano così, uniti, di schiacciare il verme schifoso che rappresenta oggi l’odio integralista musulmano.
. 
Crocifisso da Isis
Sembra però che la preoccupazione principale della classe politica dirigente sia quella di mantenere un ferreo controllo sulla poltrona su cui sono seduti, e di strafogarsi di privilegi sulla pelle del popolo che, affamato dalla crisi, arranca sempre più faticosamente.
. 
Figuriamoci se si preoccupano delle popolazioni dell’est in balia di Isis…chissà forse quando anche le loro poltrone vacilleranno, forse sarà troppo tardi…
.
.
Dissenso
.
.


Post più popolari

Amici del blog