sabato 29 settembre 2012

Andrej Januar'evic Vysinskij : CRIMINALE COMUNISTA

.
Nacque  ad Odessa,  in Ucraina, il 28 Novembre 1883, sotto l’Imperatore di Russia lo Zar Alessandro III Romanov.
.
Il padre era farmacista, e dopo la nascita del figlio si trasferì a Baku, in Azerbaijan, dove poi Vysinskij frequentò il ginnasio.
.
Nel 1901 si iscrisse alla facoltà di giurisprudenza a Kiev, ma ne fu espulso l’anno successivo per aver partecipato a disordini studenteschi, per cui tornò a Baku, dove nel 1903 entrò nell’ala menscevica dell’organizzazione RSDRP ( il Partito Socialdemocratico ).
.
Nel 1905 a San Pietroburgo incominciarono i primi fermenti pubblici che diedero il via alla rivoluzione russa, con una manifestazione formata da operai e da contadini, che fu poi chiamata “la Domenica di sangue”, poiché fu repressa con l’impiego dell’esercito (furono uccisi 100 manifestanti e ferite 1000 persone).
.
In occasione dei moti rivoluzionari, nel 1910, Vysinskij fu arrestato e scontò un anno di carcere nella prigione fortezza di Baku, dove conobbe Stalin, anch'egli detenuto per i disordini legati agli scioperi di quel periodo.
.
Nel 1913 si laureò in legge all’Università di Kiev, poi si dedicò all’insegnamento della letteratura e del latino in un ginnasio privato a Baku.
.
Nel 1915 si trasferì a Mosca, dove lavorò come assistente di un avvocato.
.
Dopo la rivoluzione divenne attivo sostenitore del Governo provvisorio, divenendo capo della milizia in un quartiere centrale della capitale sovietica.
.
In questo ruolo, su istruzioni del Ministero degli Interni e di quello della Giustizia, firmò e pubblicò l’ordine di arresto per Lenin e Zinov’ev, che erano fuggiti da Pietrogrado nel 1917.
.
Successivamente abbandonò il Partito menscevico, lavorando dal 1919 al 1923 al Commissariato del Popolo negli uffici degli approvvigionamenti della RSFSR (Federazione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche).
.
Dal 1921 al 1923 fu anche decano della facoltà di Economia dell’Istituto “K.Marx” di Mosca e professore all’Università Statale di Mosca (MGU).
.
Dal 1923 al 1925 lavorò alla Corte Suprema dell’Urss, per poi tornare alla MGU in qualità di Rettore, dove si distinse nel soffocare brutalmente i moti studenteschi legati alla “opposizione di sinistra”.
.
Nel 1927 pubblicò il suo primo libro importante : il “Corso di procedura penale”.
.
Nel 1928 partecipò per la prima volta ad un processo dimostrativo staliniano, il “caso di Sachty”, come Presidente di una Corte Speciale del Tribunale Supremo.
.
Successivamente, Vysinskij avrebbe ricoperto il medesimo ruolo nel processo al Partito Industriale.
.
Nel 1931 divenne procuratore della Repubblica federata russa (RSFSR) e vice procuratore dell'Unione Sovietica e, dal 1935 al 1939, procuratore generale.
. 
In tale veste rappresentò la pubblica accusa nei principali processi politici che si svolsero nel periodo delle Grandi purghe, interpretando il ruolo di mente giuridica di Stalin.
.
Tra i maggiori processi politici del tempo, in cui Vysinskij fu Procuratore, si ricorda il “caso dei sabotatori delle centrali elettriche” (1933), del “Centro terroristico unificato trockista-zinov’eviano” (1936), del “Centro parallelo trockista” (1937), e del “Blocco antisovietico trockista di destra” (1938).
.
Nei processi politici per attività controrivoluzionarie e antisovietiche le confessioni degli accusatori costituivano le "prove più importanti e decisive", e tutto era sotto l’esclusivo controllo del Procuratore (Vysinskij) e del Commissario del Popolo agli Affari Interni (Ezov), che costituivano la cosiddetta “dvoika”, con diritto di emettere sentenze anche senza processo.
.
In questo ruolo Vysinskij firmò centinaia di migliaia di condanne a morte .

Inoltre, Vyšinskij era particolarmente noto per la sua efferatezza e mancanza di scrupoli nell'estorcere confessioni ai prigionieri, in totale spregio delle più elementari norme di umanità e in aperta violazione dello stesso codice penale sovietico (peraltro rimasto lettera morta dopo la sua promulgazione nel 1926).
 
La sua azione inquisitoria è lucidamente ricostruita nel libro Arcipelago Gulag di Solzenicyn, dove si evidenzia la sua brutalità e il suo asservimento ai voleri della classe politica che conquistò il potere con la rivoluzione d’Ottobre.
.
Nelle sue requisitorie e nei suoi lavori giuridici Vyšinskij propagandò con fervore la teoria medievale secondo la quale la prova decisiva della colpevolezza dell'imputato è la sua stessa confessione.
.
Le ammissioni di colpa dell'imputato, ottenute a qualsiasi costo, e spesso con le torture, dovevano compensare quindi la mancanza di prove materiali nell'inchiesta e nel processo, e legalizzare la falsità dell'accusa.
.
Non a caso, a volte preparava il “rinvio a giudizio” prima ancora che fossero effettuate le indagini.
.
Le sue arringhe durante le requisitorie contenevano frasi come :
.
Dobbiamo sparare a questi cani rabbiosi …
.
Basta con questi animali abbietti …
.
Mettiamo fine una volta per tutte a questi animali ibridi, maiali, cadaveri puzzolenti …
.
Facciamo sterminare i cani pazzi del capitalismo, che vogliono fare a pezzi il fiore della nostra nuova nazione sovietica ...
.
Feccia della società …
.
Parassiti maledetti …
.
Cariatidi criminali, terroristi e degenerati ...
.
Dopo la caduta di Ezov, Vysinskij non cadde in disgrazia, ma anzi consolidò la sua posizione, divenendo Vice Capo del Governo.
.
Nel 1941 Vysinskij pubblicò il suo lavoro più noto : “Teoria delle prove processuali nel diritto sovietico”, che ricevette il Premio Stalin.
.
Il libro contenente la raccolta delle sue requisitorie e culminante con il suo discorso nel processo Bucharin-Rykov-Jagoda costituì per decenni il testo fondamentale per i giuristi sovietici.
.
Nel 1940 iniziò la carriera diplomatica di Vysinskij, che divenne poi Vice Ministro degli Esteri dell’Urss e poi Ambasciatore sovietico alle Nazioni Unite.
.
Dal 1947 guida la delegazione sovietica all’ONU, e in questo ruolo si fece notare in quanto rivolgeva i suoi eccessi verbali anche agli altri portavoce delle Nazioni Unite, e per questo fu definito “il maestro della parola al vetriolo”.
.
Nel 1949 divenne Ministro degli Esteri dell’Urss, fino alla morte di Stalin (1953).
.
Fu sostituito da Molotov e tornò a ricoprire l’incarico di rappresentante permanente dell’Urss all’ONU.
.
Morì a New York, improvvisamente, per un attacco cardiaco.
.
. Dopo il XX Congresso del PCUS, Vysinskij, insieme a Ezov e a Berija, è stato ufficialmente identificato come principale responsabile delle “diffuse violazioni della legalità socialista” commesse al tempo del “culto della personalità”.
.
Nonostante ciò, la maggioranza degli imputati ai processi gestiti da Vysinskij è stata riabilitata solamente nel periodo della perestroika.
. 
Ecco una breve panoramica dei processi in cui Vysinskij ha ricoperto l’incarico di Pubblico Ministero :

~ ~ ~ ~ ~
.
1935
.
Primo processo contro Zinov’ev, Kamenev, e Evdokimov per l’assassinio di Kirov.
.
A Leningrado vennero compiuti migliaia di arresti.
.
Gli imputati vennero condannati rispettivamente a 10, 5, e 8 anni di carcere.
.
1936
.
Primo grande processo pubblico contro il “centro terroristico trockista-zinov’vevista”, detto anche il “Processo dei sedici”. .
.
Gli  imputati, tra cui Zinov’ev, Kamenev e Smirnov furono accusati di aver cospirato per assassinare Kirov, per cui avevano già subito una condanna, e di aver organizzato attentati  contro Stalin, Zdanov, Kaganovic, e altri membri del Partito.
.
Nonostante l’insussistenza totale delle prove, gli imputati si auto-accusarono di tutti i capi di imputazione, coinvolgendo nei presunti crimini anche Rykov, Tomskij, e Bucharin.
.
I 16 imputati furono tutti condannati a morte per fucilazione.
.
Tomskij si suicidò.
.
La repressione del dissenso causò a più di 1.000 vittime.
.
1937
.
Il secondo processo pubblico fu il Procedimento penale contro il “Centro trockista anti sovietico”, ribattezzato il “Processo dei diciassette”.
.
Gli imputati tra cui Pjatakov e Radek, fecero il nome del maresciallo Tuchacevskij che fu poi arrestato, condannato, e giustiziato.
.
Le accuse rivolte al gruppo dei 17 furono di : tradimento della Patria, di attività spionistiche, e di atti di sabotaggio contro le strutture ferroviarie, e contro le industrie chimiche e gli impianti industriali della Siberia orientale.
.
Nel corso del processo, Pjatakov si auto-accusò di colpevolezza e del tentativo di rovesciamento degli assetti economici e politici dell’Urss, per il cui progetto si incontrò con Trockij.
.
Ci furono 13 condanne a morte e 4 condanne a pene detentive.
Orgonikidze si suicidò.
.
Successivamente al processo, in tutto il territorio dell'Urss si susseguirono purghe che causarono la morte di 35.000 ufficiali dell'Armata Rossa, e un totale di 353.000 vittime.
.
Complici dell'operazione che condusse a questa ennesima strage furono Berja, Malenkov, Mikojan, Kaganovic, e il giovane Krusciov.
.
La repressione portò anche all'arresto di Jagoda e del maresciallo Tuchacevskij.
.
Il capo dell'Amministrazione politica dell'Armata Rossa, Gamernik, si suicidò prima di essere arrestato.

1938
.
Il terzo dei processi pubblici fu intentato contro il “Blocco anti-sovietico della destra e dei trockisti”, e fu denominato "Processo dei ventuno".
.
In questa occasione Stalin e i suoi collaboratori attaccarono e colpirono l'opposizione di destra del Partito.
.
I 21 imputati tra cui Bucharin, Rykov, e Jagoda, furono accusati di voler minare la potenza militare dell’Urss, di voler rovesciare il regime socialista, e di restaurare il capitalismo.
.
Inoltre li si accusò di aver complottato nel 1918 contro la vita di Lenin, e di essere coinvolti nell’assassinio di Kyrov.
.
Anche in questo caso gli imputati si auto-accusarono.
. 
18 imputati furono condannati alla fucilazione, e i rimanenti a condanne dai 15 ai 25 anni di carcere.
.
~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~
.
La responsabilità diretta di Stalin in tutte queste repressioni è indiscutibile.
.
E' lui in persona a firmare le liste dei condannati a morte.
.
Nel 1938 autorizza l'esecuzione di 3167 condannati, stabilendo il suo macabro record personale di condanne a morte in un solo giorno.
.
Alla fine del 1938 sono circa 8 milioni i prigionieri nei gulag comunisti, e 330.000 le vittime delle condanne a morte.
.
Dissenso
.


..


5 commenti:

  1. Caro Dissenso, il tuo blog è radicato nella storia, il mio la inventa :) Ho letto con interesse il tuo post e mi è piaciuto anche se non ho memoria per quei tempi. Vedo che spazi su diversi argomenti, parlerai di denaro? Io affronterò il tema da un certo taglio. Grazie per la visita e a presto. Giorgia :)

    RispondiElimina
  2. Questi criminali dovrebbero campare 1000 anni, chiuderli in miniera e farli lavorare 24 ore al giorno!! buona giornata...ciao

    RispondiElimina
  3. Secondo voi si può fare un paragone tra questi fondatori del comunismo russo e i fondatori del nostro comunismo?
    Se ricordiamo tutte le epurazioni partigiane-comuniste condotte in Italia nel dopo fascismo direi che gli eredi di quei signori (la sinistra politica) sono messi assai peggio di quei comunisti russi.
    E noi cosa facciamo?
    Esattamente nulla, infatti loro sono ancora li a contendersi il potere sul popolo italiano!
    Ma la giustizia non tarderà ancora per molto!
    Rasthafari

    RispondiElimina
  4. Perchè parlare solo ed esclusivamente di Comunismo? Perchè parlare di eventi storici geograficamente lontani? Fatevi raccontare dai vostri nonni, conoscenti, genitori, vicini, i mali commessi dal Fascismo e dal Nazismo che SI abbiamo subito nella nostra povera patria. Se siete liberi di parlare, di votare, di comprarvi il vostro "amato" Iphone lo dovete proprio a quei Comunisti che tanto offendete. E non si parla di stalinismo, di leninismo o di altro. Ma del Comunista Italiano, del partigiano, del ribelle, colui che con altruismo perse la vita per la libertà dei suoi simili. Ne ho conosciuti tantissimi nella mia vita. Ed erano e rimarranno persone buone ed esemplari.

    O care madri dell'Italia
    e che ben presto vi pentirete
    I vostri figli ancor vedrete
    abbandonare lor casolar.
    Ma i comunisti non han paura
    difenderanno la libertà

    RispondiElimina
  5. Vedo che non hai neppure il coraggio di metterci la faccia, caro Anonimo, e questo qualifica la vigliaccheria di quelli come te.
    Anche le tue informazioni sono frutto di quella disinformazione che da sempre mettete in atto per mistificare la verità...
    Non servirà a nulla, sappilo, poichè ci sarà sempre qualcuno come me che provvedereà a raccontare le cose come veramente sono.
    Il comunismo è il MALE del secolo e ha prodotto 100 milioni di morti, ma forse non ti bastano...
    Abbi la compiacenza almeno di tacere e di rinchiuderti nel tuo perverso livore...
    Dissenso

    RispondiElimina

Post più popolari

Amici del blog