domenica 6 dicembre 2009

Considerazioni sulla Filosofia

~ ~ ~ ~
.
Dalle espressioni culturali dei filosofi possiamo estrapolare la meravigliosa essenza del loro stesso pensiero, che scaturisce fluido dall’intimo ragionamento interiore, e che rappresenta la soggettiva interpretazione di una sublimazione intellettuale, risorsa di un retaggio ancestrale a cui fare riferimento.

Gli assiomi identificativi di un iter di proposizioni intellettuali, trovano immediato riscontro nelle sintomatiche interpretazioni dei maggiori rappresentanti delle filosofie mondiali.
.
Tutti conosciamo, infatti, il famoso assioma espresso dal grande Cartesio, che recita :
.
.Cogito, ergo sum” e che si traduce nel “Penso, dunque esisto” …magnifico esempio di una reciprocità della logica, che traspare dal suo modus vivendi, da cui possiamo trarre evidente suggestione.
.
Filosofi famosi come Sant’Agostino, Cartesio, Platone, Leibniz, Nietzsche, per citarne solo alcuni, hanno creato con le loro divulgazioni vere e proprie correnti di pensiero, in cui le sfaccettature delle relative elaborazioni riflettono altrettante simbiosi, interconnesse tra loro, e culminanti in specifiche e ben determinate categorie, diverse nell’approccio culturale, ma identiche nell’afflato che le identifica, accomunandole.
.
Per secoli la guida, non solo spirituale, di coloro che tramandavano le basi culturali delle varie tradizioni di pensiero, si è rispecchiata in una sistematica acquisizione delle linee guida appartenenti ai filosofi di riferimento, a seconda delle prerogative religiose, sociali, o economiche.
.
Oggi le connessioni tra i valori espressi da un mondo che trae le sue origini da una somma di esperienze culturali tramandate dai profeti della tradizione, e le dimensioni dell’incedere quotidiano, sono abbastanza labili, relegate in posizioni non predominanti, schiacciate come sono dall’avanzare di un qualunquismo metodico, quasi imposto, a cui siamo assuefatti, e che annulla gli ancestrali valori di riferimento.
.
E’ sempre più raro e difficile riuscire a trarre dalla lettura di ogni forma di pensiero filosofico, o dall’amalgama di estrapolazioni intellettuali, culturali, artistiche, quella forma di piacere puro derivato dal poter afferrare, intuire, e padroneggiare, l’essenza stessa della cultura, della componente non didattica e invasiva insita nelle prerogative inconsciamente assorbite.
.
Risulta arduo competere tra il desiderio di immergersi in meditazioni di radicale consistenza, in approfondimenti di carattere soggettivamente energici nella loro linearità di intenti, aumentando a dismisura i livelli di concentrazione psicologica, quasi come in una ricerca di una simbiotica catarsi, e la reale dimensione odierna del vivere quotidiano, improntato al raggiungimento di ben diversi obiettivi, materialistici, mai onirici, e sempre liberi da influssi e risvolti intellettuali.
.
Lo studio e il godimento della Filosofia, degli interpreti che ne caratterizzano l’appartenenza, e delle opere che ne esprimono la concettualità e la dimensione, rimane oggi appannaggio esclusivo di poche fortunate persone, che ne fruiscono secondo modalità che ne riconoscono i caratteri di gradevole e lussuosa prerogativa .
.
Tale privilegio è permesso solamente a coloro che indirizzano le loro priorità esistenziali verso caratteristiche di vita improntate allo studio, alla ricerca della conoscenza, oppure a coloro che, avvantaggiati da possibilità economiche rilevanti possono dedicarvisi appieno, godendone le peculiarità, liberi da preoccupazioni materiali.
.
Voglio presentare, di seguito, alcune citazioni tratte dalle opere di alcuni tra i massimi rappresentanti dell’olimpo filosofico planetario, come omaggio al loro libero pensiero :
.
~ ~ ~
.
“Tutti gli esseri viventi sono congiunti insieme, e tutti obbediscono al medesimo formidabile impulso.
.
L'animale ha il suo punto d'appoggio nella pianta, l'uomo nella animalità, e l'umanità intera, nello spazio e nel tempo, è come uno sterminato esercito che galoppa al fianco di ciascuno di noi, avanti e dietro a noi, in una carica travolgente capace di rovesciare tutte le resistenze e di superare moltissimi ostacoli, forse anche la morte”
.
Henry Bergson
.
~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~
.
“Dalla osservazione della irriducibilità delle credenze ultime ho tratto la più grande lezione della mia vita.
.

Ho imparato a rispettare le idee altrui, ad arrestarmi davanti al segreto di ogni coscienza, a capire prima di discutere, a discutere prima di condannare.
.

E poiché sono in vena di confessioni, ne faccio ancora una, forse superflua :
.
detesto i fanatici con tutta l'anima."
.
Norberto Bobbio
...
~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ 
..
.
"Ho imparato ad andare : da quel momento mi lascio correre."

"Ho imparato a volare : da quel momento non voglio più essere urtato per smuovermi. "
..
"Adesso sono lieve, adesso io volo, adesso vedo al di sotto di me, adesso é un dio a danzare, se io danzo.”
.
Frederick Nietzsche.
.
.
~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~
.
“La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro. Leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare.”
.
“L’uomo è l’unico animale che provoca sofferenza agli altri senza altro scopo che la sofferenza come tale.”
..

“Il grande dolore che ci provoca la morte di un buon conoscente e amico deriva dalla consapevolezza che in ogni individuo c’è qualcosa che è solo suo, che va perduto per sempre.” .
.
Schopenhauer..
~ ~ ~ ~
.

Post più popolari

Amici del blog